Graduatorie Mondiale ed Italiane 2016 – Analisi

La stagione in vasca lunga si è conclusa ufficialmente con gli Assoluti invernali di Riccione. Una stagione, quella Olimpica 2016, che resterà senza dubbio nella storia del nuoto italiano per i successi ottenuti dai nostri atleti in campo europeo ed olimpico, a suggello di un quadriennio che ci ha visti spesso protagonisti a livello internazionale.
Nel 2016 sono stati migliorati due record del mondo maschili in vasca da 50, Ryan Murphynei 100 dorso (51.85) ed Adam Peatynei 100 rana (57.07), entrambi ai Giochi di Rio, entrambi vincitori delle rispettive prove individuali (anche se Murphy ha staccato il WR in staffetta).

Tra le donne, invece, in quattro hanno abbassato il limite mondiale: Cate Campbell nei 100 stile (52.06), Katie Ledecky nei 400 ed 800 stile (3.56.46 e 8.04.79), Sarah Sjostrom nei 100 farfalla (55.48) e Katinka Hosszu nei 400 misti (4.26.36). Di queste, la sola Campbell non è riuscita a vincere l’oro a Rio nonostante il tempone effettuato a luglio a Brisbane, mentre le altre si sono fregiate dell’alloro più importante, quello a cinque cerchi, con in più la soddisfazione del primato.

Anche in campo italiano i record migliorati sono stati 7. Tra gli uomini, Luca Dotto è stato il primo azzurro a scendere sotto i 48 secondi nei 100 stile (47.96), mentre gli altri record sono di Simone Sabbioninei 100 dorso (53.34), Piero Codianei 100 farfalla (51.42) e Giacomo Carini nei 200 farfalla (1.55.48). Gregorio Paltrinieri ha infine vinto l’oro olimpico con il record europeo, in 14.34.04, avvicinandosi ancor di più al limite mondiale Tra le donne, i limiti migliorati sono stati due: Federica Pellegrini nei 100 stile (53.18) e Martina Carraro nei 100 rana (1.06.41).

Passiamo alla nostra prima analisi: in una tabella riassumiamo le migliori prestazioni mondiali e le migliori prestazioni italiane del 2016 in vasca lunga. Sotto la colonna Ptroviamo il piazzamento del miglior italiano nella graduatoria mondiale, mentre sotto la colonna D troviamo il miglior tempo italiano raffrontato (su base 100) a quello mondiale.

Come possiamo notare, Paltrinieri è primo nelle graduatorie mondiali di entrambe le gare da lui preparate, 800 e 1500 stile: nella distanza olimpica Greg non perde la testa della graduatoria dal 2014. Il peggior piazzamento del miglior italiano in graduatoria è nei 200 dorso, mentre il raffronto con il tempo spaziale di Adam Peaty penalizza il pur ottimo crono di Nicolò Martinenghi (soprattutto considerata l’età del giovane ranista lombardo) ottenuto proprio ieri a Riccione.
 
Come già accaduto l’anno scorso (e da molti anni in realtà), Federica Pellegrini è la donna azzurra piazzata meglio nelle graduatorie mondiali: quest’anno il suo personale in tessuto nei 200 stile le vale la terza posizione, purtroppo non replicata nella sfortunata finale di Rio. La posizione più bassa è invece nei 100 dorso, mentre il differenziale più elevato lo paghiamo nei 200 rana: due specialità nelle quali la divisione femminile ha fatto fatica in questa stagione.

Diamo adesso un’occhiata alla progressione delle migliori prestazioni mondiali ed italiane nel quadriennio olimpico, partendo dai maschi
.
In campo internazionale, 11 su 17 delle migliori prestazioni del quadriennio sono state ottenute nel 2016, mentre l’Italia si ferma ad 8: un piccolo segnale che ci comunica che, in alcune specialità, non siamo arrivati a Rio con il giusto tempismo di preparazione.
Passiamo alle donne.
La situazione in campo femminile è differente: solo 7 su 17 prove hanno la miglior prestazione mondiale nel 2016 , ben 5 risalgono al 2013, anno post-Londra. Anche in campo italiano solo 6 prove sull’intero parco gare hanno la miglior prestazione del quadriennio nel 2016.
C’è qualche pazzo che ha letto fino a qui? Ecco la chiusura col botto. Nella tabella seguente trovate, anno per anno, la somma tempi delle migliori prestazioni di tutto il programma gare, mondiale ed italiana, del quadriennio olimpico. In giallo trovate la somma migliore mondiale ed in azzurro quella italiana.
l gioco consiste nel vedere quale annata di migliori atleti ci ha messo di meno a chiudere il programma gare intero, sia a livello italiano che mondiale.

  
Ovviamente il tempo totale ha un’importanza relativa, in quanto è molto più semplice migliorare di un secondo in un 1500 che non in un 50. Ed è per questo che, nella colonna accanto, trovate la media totale delle singole migliori prestazioni italiane paragonate (su base 100) alle singole migliori prestazioni mondiali. 


Sulla base di questi numeri, l’annata migliore italiana degli ultimi 4 anni risulta essere il 2014 a livello femminile ed il 2016 a livello maschile :-) 

Dopo questa ultima tabella, vi saluto e vi do appuntamento alla prossima!

Questo articolo ha un commento

  1. Bellissima analisi, complimenti. Devo però segnalare un piccolo errore: ovvero che nel 2013 il tempo migliore sui 50 rana femminili é 29.48 della Meylutite non 29.28. Ovviamente una piccolezza. Ti saluto ancora e, se non ci dovesse essere un altra occasione, ti faccio i più sinceri auguri di un Felice Natale e di Buon Anno Nuovo.

Lascia un commento